Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni.
La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • logo-amazon

    Classifiche settimanali - 25…

    Classifica settimanale degli eBook più Venduti

    http://www.ebookplanet.it/site/images/ju_cached_images/logo-amazon_ebf829a46a8971e1214264065c5b0416_90x50.resized.png
  • logo-amazon

    Classifiche settimanali - 18…

    Classifica settimanale degli eBook più Venduti

    http://www.ebookplanet.it/site/images/ju_cached_images/logo-amazon_ebf829a46a8971e1214264065c5b0416_90x50.resized.png
  • logo-amazon

    Classifiche settimanali - 11…

    Classifica settimanale degli eBook più Venduti

    http://www.ebookplanet.it/site/images/ju_cached_images/logo-amazon_ebf829a46a8971e1214264065c5b0416_90x50.resized.png

Berta Noy - Luoghi che non si trovano sulle mappe

Berta Noy - Luoghi che non si trovano sulle mappe

“Ci sono luoghi irraggiungibili, così lontani e pericolosi che quasi non esistono, luoghi che non trovi sul le mappe perchè sono reali solo dentro di te.” Questi sono sempre stati per Clàudia i momenti trascorsi con Eliott.

Continua a leggere
899 Visite
0 Commenti

KOBO GLO

kobo-glo

Semplice, versatile e confortevole: tre aggettivi che descrivono al meglio il lettore ebook Kobo Glo.
Il Kobo Glo è stato ridisegnato per offrire maggiori opzioni e la comodità di fare quello che vi piace di più: leggere.

Continua a leggere
1042 Visite
0 Commenti

Trudi Canavan - L'apprendista del mago

Trudi Canavan - L'apprendista del mago

Diventare una guaritrice: questo è il sogno che Tessia ha coltivato da sempre, fin da quando ha cominciato ad affiancare il padre per acquisire i segreti dell’arte medica.

Continua a leggere
5851 Visite
0 Commenti

Festival Internazionale del Libro di Edinburgo

festival-edinburgo

Sono iniziati i preparativi in Scozia per l'International Book Festival di Edinburgo, la più grande riunione culturale annuale del Regno Unito, che quest'anno si svolge dal 10 al 26 agosto e presenta 800 autori in oltre 700 eventi.

Molti dei dibattiti di quest'anno verteranno sia su questioni sollevate dallo sconvolgimento digitale dell'editoria e della produzione di libri sia presentando gli autori nel contesto dei loro ebook ed il lavoro dei media digitali. "Quest'anno è il nostro 30° compleanno e lo celebreremo con un programma di eventi, guardando indietro attraverso tre decenni sorprendenti e in avanti per ciò che potrebbe accadere nel corso della prossima generazione".

"Abbiamo in programma una serie di eventi che si occupano di ebook e  di self-publishing" ha dichiarato Frances Sutton, per il Festival. Ad esempio, il dibattito sul diritto d'autore il 14 agosto, e le tavole rotonde "Essere uno scrittore nell'era digitale: un coraggioso nuovo mondo editoriale", in collaborazione con la Società degli autori, il 21 agosto, e "Editoria in un mondo digitale: la natura mutevole della scrittura ", in collaborazione con Publishing Scotland, il 23 agosto.

"Abbiamo svariati autori che parleranno delle loro esperienze di self-publishing o di ebook, o i cui libri sono disponibili solo come ebook"

Questi eventi includono "Future Books" con Andrew Jamieson e Damien M Love, che affronta questo entusiasmante mondo emergente dell'editoria con l'aiuto di due autori di soli ebook il 14 agosto; Sergio de la Pava e Richard House il 18 agosto, con i loro successi in "romanzi rimaneggiati per il 21° secolo"; Liz Bankes e Samantha Young il 20 agosto, due giovani scrittrici che hanno iniziato entrambe la loro carriera di scrittici online  e Laurie Penny, sempre il 20 agosto, con un incontro più investigativo sulla crisi finanziaria greca.

Per gli appassionati di grafica, Frances Sutton informa che "nel programma Stripped, il nostro settore sulla graphic novel ed i fumetti, ci sono una serie di autori estremamente attivi con contenuti online, e la nostra mini fiera del fumetto, che si svolgerà dal 24-25 Agosto, una vetrina per fumetti scozzesi indipendenti (autoprodotti) ".

Continua a leggere
1025 Visite
0 Commenti

Sondaggio della Frankfurt Book Fair

Un sondaggio appena pubblicato, condotto sotto l'egida della Frankfurt Book Fair, rileva il settore dei media in in bilico tra passato e futuro ed altamente incerto su come potranno andare le cose.

Effettuato da Frankfurt StoryDrive e Newthinking Communications GmbH,  il sondaggio su "il futuro dei Contenuti e del Mondo dei Media" ha raccolto le interviste di 1.400 professionisti del settore, chiedendo loro in generale: "Come sarà il mondo dei Media tra 10 anni? "

"L'industria è colta in una costante ricerca di equilibrio tra avanti e indietro, oggi e domani, tradizione e innovazione", ha dichiarato Francoforte StoryDrive. "Ne consegue logicamente che i risultati dello studio rivelano un senso di indecisione."

Il sondaggio completo consisteva in sette scenari per il possibile futuro del settore dei media, con 22 dichiarazioni video "da innovatori dell'industria di media e contenuti ... trend scout, editori, autori, produttori cinematografici e sviluppatori di giochi." 

In sintesi, i 7 scenari erano:

  1. Nel 2022, avrete accesso a tutto con il solo tocco di un dito
  2. Il mondo virtuale pervaderà tutti gli aspetti della vita nel 2022
  3. In futuro, le storie saranno indipendenti
  4. Le Storie saranno altamente personalizzate nel 2022
  5. Nuovi rapporti di lavoro definiranno il mercato dei media nel 2022
  6. L'anno 2022 sarà dominato dalla cooperazione
  7. In futuro, le aziende dei media potranno contare su nuove attività principali


Questi scenari sono stati sottoposti a circa 1.400 rappresentanti del settore internazionale dei media, dall'amministratore delegato della grande casa editrice al bibliotecario.

I risultati vedono molti insoddisfatti con lo scenario di un mondo virtuale, con quasi l'80% di rifiuto o di cauta osservazione del suo sviluppo e non eccessivamente ricettivi all'ipotesi che i consumatori siano attivi nella formulazione delle storie, solamente il 20% vede con favore questa possibilità.

Per quanto riguarda le storie personalizzate, l'81% si è dichiarato contrario ad adattare il contenuto di una storia alle circostanze specifiche dei singoli lettori, il 66% è riluttante ad abbracciare i consumatori come partner commerciali, solo il 17% è preparato a utilizzare il crowdfunding per sostenere lo sviluppo.

Tutto sommato, quindi, una risposta abbastanza conservattrice per alcune proposte certamente impegnative.

"Purtroppo, le nuove tecnologie sono ancora troppo spesso viste come una minaccia, piuttosto che come una opportunità", ha detto Britta Friedrich di Francoforte StoryDrive, co-autore dello studio. "Molti degli intervistati hanno espresso una chiara tendenza verso il mantenimento dello status quo e, insieme a questo, la speranza che non saranno colpiti da questi cambiamenti."

Sembra che anche nel 2013 i Big Media vedano ancora il cambiamento tecnologico come qualcosa da tenere a debita distanza, piuttosto che abbracciarlo e non sono assolutamente pronti ad andare a braccetto con esso. Di questo passo i Google e gli Apple del mondo, presenti e futuri, possono attendere con ansia un'innovazione libera e dirompente, con i professionisti del settore pronti ad impegnarsi, come spesso già successo, quando è già troppo tardi.

Continua a leggere
169 Visite
0 Commenti